Dopo l’ispezione avvenuta ieri, i militari dell’Arma hanno posto sotto sequestro un canile abusivo situato in contrada Mulinello e gestito da una signora di Patti. All’interno 104 cani e gravi carenze igienico sanitarie. Animali in spazi ristretti e sorte di celle fai da te ovviamente in condizioni allarmanti. Per questo già l’anno scorso gli abitanti del posto, esasperati dall’abbaiare ma anche allarmati dai tragici fatti di Ragusa e dalla morte di un bimbo ucciso da cani randagi, avevano paventato il pericolo di eventuali fughe ed ulteriori problemi. A dire il vero i Carabinieri hanno trovato 104 cani e non “centinaia di cani” così come lamentato dagli abitanti, comunque tutti in situazioni quantomeno precarie e gravemente compromettenti il benessere degli animali. Il canile, già oggetto di intervento, a quanto pare disatteso, di sequestro amministrativo da parte del Comune era stato poi oggetto di un’ulteriore denuncia da parte della locale sezione della LIDA (Lega Italiana Diritti Animali). Sembrerebbe però che nel frattempo alcuni cani sarebbero a sua volta stati consegnati al canile, proprio a seguito di azioni intraprese dal Comune di Patti. Lunedì si deciderà cosa fare dei cani.