gorilla teschi
GEAPRESS – Ancora sequestri di teschi di grandi scimmie in Camerun. Un fenomeno purtroppo comune anche per altri paesi del Golfo di Guinea.

Ad annunciare il nuovo intervento di polizia è ancora una volta l’ONG LAGA  (Last Great Ape Organization), molto attiva in Camerun nella repressione di tali reati.

In questo caso si tratta di tre teschi  di Gorilla. Un trafficante è stato tratto in arresto.

A caratterizzare tale particolare forma di bracconaggio, è la tipologia delle prede. Si tratta, molto spesso, di parti anatomiche di scimpanzè e gorilla. Teschi, ma anche zampe e mani mummificate. Un fiorente mercato internazionale richiede ancora questi reperti. Un fenomeno che sembra andare di pari passo con quello del consumo locale di carne.

A rischiare, però, non sono solo le popolazioni locali di grandi scimmie, ma anche chi viene in contatto con la loro carne. Gorilla e scimpanzè sono infatti stati indicati come possibile fonte di contaggio del virus dell’ebola.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati