moria pesci
GEAPRESS – Una moria che il Gruppo d’Intervento Giuridico definisce consistente. E’ quella registrata nella giornata di ieri e prontamente segnalata al Consorzio di gestione del Parco naturale regionale di Molentargius-Saline e al Corpo forestale e di vigilanza ambientale.

La morìa sarebbe avvenuta nel Canale presso il Rollone di Molentargius. Il Gruppo d’Intervento Giuridico ha altresì evidenziato le acque torbide e parecchi rifiuti che facevano da contorno. Le proporzioni appaiono comunque inferiori rispetto a quanto accadde nel Canale di Terramaini e nel Canale di Mezzo lo scorso 11 aprile 2014, così come il 25 luglio 2012 e  nel 2007 e nel 2008. Le cause al momento non sono conosciute.

In precedenza, i Comuni di Cagliari e di Monserrato, la A.S.L. n. 8 e la Soc. Abbanoa s.p.a. (gestore del servizio idrico integrato) avevano ipotizzato un afflusso di sostanze organiche in conseguenza di forti piogge, l’abbassamento della quantità di ossigeno nelle acque, ma anche la presenza di scarichi non autorizzati.

Ancora una volta, quindi, le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra hanno provveduto a segnalare l’accaduto al Corpo forestale e di vigilanza ambientale per accertare fatti e motivazioni della purtroppo ricorrente morìa di pesci, tuttavia non si può che sottolineare che le cause non sono state purtroppo ancora rimosse.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati