SEA
GEAPRESS – Secondo quanto riportato da Radio New Zeland, il governo della Nuova Zelanda avrebbe convocato l’ambasciatore giapponese per un richiamo sul presunto sconfinamento che avrebbe convolto le baleniere nipponiche.

I fatti sono avvenuti la scorsa settimana, quando, riferisce sempre la Radio, una nave componente della flotta baleniera avrebbe inseguito un natante di Sea Shepherd, sconfinando in acque dell’Oceano Antartide rivendicate dalla Nuova Zelanda. Secondo quanto riportato dallo stesso Primo Ministro neozelandse sentito dal Radio New Zeland, la Nuova Zelanda, pur nell’ambito dei buoni rapporti che sono intrattenuti con il Giappone, si oppone fermamente alla caccia delle balene.

A quanto pare l’Ambasciata giapponese in Nuova Zelanda, era stata informata del diniego.

Soddisfazione per la presa di posizione dei neozelandesi, è stata espressa da Sea Shepherd, la quale ha messo in evidenza  le buone risposte che starebbero arrivando anche dal Governo australiano.  Nel passato, proprio questo Governo che pur aveva espresso le sue critiche al Giappone, era stato accusato di non opporsi all’arrivo delle navi baleniere.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati