nutria
GEAPRESS – Si terrà il prossimo 19 Dicembre  alle ore 17.00, presso la sede dell’Unione Provinciale Agricoltori della provincia di Brescia di via Creta 50, l’incontro tra il Partito Protezione Animali ed i rappresentanti  dell’Unione Agricoltori e della Confederazione Italiana Agricoltori di Brescia.

L’iniziativa avrà al centro dei lavori quello che per gli agricoltori rappresenta un rilevante problema economico, ovvero i denunciati danni che sarebbero causati dalle nutrie. Tali danni rappresentano la principale evidenza di una raccolta di firme volta ad inserire la nutria tra le specie cacciabili.

Per il Partito Protezione Animali, invece, quello delle nutrie è un fatto di convivenza. A tal proposito si  ricorda come le nutrie sono arrivate nel nostro paese a seguito di fughe o sbrigative “eliminazioni” dagli allevamenti di animali da pelliccia. Il roditore, infatti, è di orgine sud americana.

L’incontro, chiesto dal Partito Protezione Animali, è orientato ad individuare soluzioni alternative all’abbattimento dei roditori, focalizzando l’attenzione su sistemi di protezione nei terreni degli stessi agricoltori e già disponibili sul mercato. Per il presidente del PPA Fabrizio Catelli, “rendere la nutria una specie cacciabile è assurdo, corriamo il rischio che le nostre campagne diventino un far west ed i sistemi di prelievo e morte per soffocamento sono assurdi, senza poi considerarne i costi

Ad ogni modo è forse la prima volta che i rappresentanti degli agricoltori incontrano quelli  animalisti sul problema delle nutrie. Un bel passo in avanti, commenta il PPA, verso il dialogo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati