GEAPRESS – Due cavalli morti in poco più di due mesi. Entrambi nella città di Brasilia ed entrambi appartenenti all’esercito.

Nell’avveniristica capitale del Brasile, costruita tra il 1956 ed il 1960, il pattugliamento dell’esercito è ancora programmato con l’ausilio di pattuglie a cavallo. Come quella che si trovava, venerdì scorso, nei pressi del Ministero dello Sviluppo Sociale e della Lotta alla Fame. 

A perdere la vita è stato invece un povero cavallo che imbizzaritosi ha poi subito uno scontro frontale un’automobile in transito.

Nello scorso mese di dicembre era già successo un altro grave incidente. Un cavallo, sempre dell’esercito,  dopo avere disarcionato il militare, ha intrapreso una folle corsa finendo sul cofano di un’autovettura. Rimbalzato sul tetto è infine caduto rovinosamente a terra.

L’animale, probabilmente, era stato spaventato da un forte rumore. A complicare le cose, anche la pioggia, che aveva reso viscido l’asfalto.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati