caimano
GEAPRESS – I fatti sono accaduti nella città di Brejo Grande do Araguaia, nello stato brasiliano del Parà. Due fratelli sono ora accusati di avere macellato un grosso caimano ancora in vita, utilizzando un’ascia. Carne e pelle, sarebbero poi stati venduti nella pubblica via.

I due uomini, filmati in un lungo video, apparirebbero vicino  a dei bambini che assistono all’orrenda scena. Il povero animale, legato per le fauci e le zampe posteriori, si dimenava terribilmente. Il caimano sarebbe rimasto trappolato nella spiaggia di Santa Rita lungo il Rio Araguaia. Quattro colpi di ascia, intervallati da brevi pause per rincorrere il plauso delle persone e poi il “mestiere” dal macellaio a vivo, è stato passato al fratello. Questo hanno riferito i giornali brasiliani.

Uno dei due fratelli si è infine sistemato sopra il collo dell’animale ormai moribondo. Un trofeo in piena regola.

Sui fatti sta ora indagando la polizia secondo la quale i due fratelli avrebbero trasgredito una legge del 1998. Un esperto biologo ha identificato  l’animale ucciso in un Caimano nero (Melanosuchus niger), una specie a rischio di estinzione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati