carabinieri motovedetta
GEAPRESS – Circa 2000 metri di cime con tanto di galleggianti che facevano riferimento a 155 nasse ognuna delle quali rinvenute con l’esca viva. E’ questo quanto posto sotto sequestro dalla Guardia Costiera di Salerno nel corso di un controllo eseguito dalla motovedetta MV CP854.

Secondo la Guardia Costiera, gli attrezzi, oltre che  abusivi, avrebbero potuto comportare un serio pericolo per la navigazione. Tutte le esche rinvenute, sono state liberate in mare.

Hanno potuto riguadagnare la libertà anche 1400 ricci di mare, posti sotto sequestro a tre soggetti, dai Carabinieri di Pozzallo, in provincia di Ragusa.  Il personale della Motovedetta CC 813 Di Bonaventura ha infatti individuato i tre pescatori abusivi mentree erano ancora in immersione nei pressi della foce del fiume Irminio. Un’area peraltro sottoposta a tutela.

Sia nel caso di Salerno che di Pozzallo, è avvenuto il sequestro dell’intera attrezzatura. L’intervento dei Carabinieri, si è  concluso con la contestazione ai tre pescatori irregolari, di una sanzione pari a 12.000 euro.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati