andrea zanoni
GEAPRESS – Taglia di 500 euro a chi farà il nome del brutale assassino della Cerva di Borgo Valsugana (TN). Lo ha annunciato l’Europarlamentare Andrea Zanoni che ricorda come venerdì scorso sono stati ritrovati i poveri resti di una Cerva lungo il fiume Brenta a Borgo Valsugana (TN). Sul caso, che ha molto scosso l’opinione pubblica, non si hanno ancora sviluppi e l’autore del gesto rischia di rimanere ignoto. Per questo l’eurodeputato Andrea Zanoni, oltre ad invitare le autorità a compiere indagini a 360 gradi, chiede a chi in possesso di eventuali informazioni utili, di rivolgersi agli organi di polizia.

L’animale, rinvenuto nella confluenza tra il fiume Brenta ed il torrente Moggio, si presentava spolpato e disossato. Il tutto vicino al centro sportivo comunale, a pochi metri dalla pista ciclabile.

Il sindaco di Borgo, intervenuto sul posto aveva dichiarato di voler chiedere alla locale sezione cacciatori di considerare la cerva abbattuta come un capo regolarmente assegnato alle doppiette della zona.

Secondo Zanoni, vice Presidente dell’Intergruppo per il Benessere e la Conservazione degli Animali al Parlamento europeo “l’efferatezza di un gesto del genere non lascia spazio a tanti commenti. Figuri che si macchiano di atti al di fuori di qualsiasi regola devono essere individuati e puniti in modo esemplare. Ora devono essere compiute indagini serrate che portino nel più breve tempo possibile a chiudere la rete intorno all’autore dell’uccisione della povera Cerva. Vista la vicinanza del ritrovamento al campo sportivo e alla pista ciclabile ci sono buone possibilità che qualcuno abbia visto qualcosa che potrebbe rivelarsi essenziale per gli inquirenti. Offro una taglia di 500 euro a chi indicherà il nome del colpevole.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati