cucciolo volpe milano
GEAPRESS – E’ stato rinvenuto lo scorso mercoledì sotto un cavalcavia pedonale che attraversa alcuni prati nelle vicinanze di Cascina del Sole, una piccola frazione di Bollate, in provincia di Milano. Ad accorgersi del cucciolo di volpe una signora che passeggiava con il proprio cane. Il volpino si presentava riverso su un fianco e completamente immobile.

Nonostante le numerose mosche che circondavano il cucciolo, la signora decide di soccorrerlo. Portato l’animale in casa cerca di aiutarlo alimentandolo con del latte. Ogni tentativo sembra però non ottenere risultati. Visto lo stato di salute preoccupante della piccola volpe, la signora decide quindi di contattare gli operatori dell’ENPA di Milano e consegnarla direttamente alla struttura di Via Gassendi 11, dove i veterinari hanno immediatamente eseguito un’accurata visita.

Il cucciolo di volpe presentava due aculei di riccio conficcati nel palato. E’ probabile che il dolore provocato dagli aculei nell’alimentarsi lo avesse velocemente portato ad uno stato di indebolimento molto grave. Il soccorso dell’animale, sottolinea l’ENPA, lo ha salvato da morte certa.

Rimossi gli aculei e posizionato su un tappetino termico, dopo circa due ore di terapia con somministrazione di fluidi e  dopo una accurata pulizia del pelo completamente ricoperto di larve di mosca, il piccolo di volpe ha ricominciato a mangiare spontaneamente e ad essere reattivo.

Ieri, giovedì 23 maggio, viste le buone condizioni di salute, gli operatori dell’ENPA hanno trasferito il cucciolo presso il Centro di recupero animali selvatici di Vanzago.

Quando sono così piccoli, questi animali fanno le loro prime esperienze, alcune delle quali rischiano di essere fatali” dichiara Ermanno Giudici presidente ENPA Milano “Molte volte i cuccioli non sono così fortunati da trovare una persona compassionevole e le leggi della natura hanno il sopravvento: un cucciolo in quelle condizioni sarebbe morto dopo poche ore. Altre volte, grazie all’attenzione di noi umani e ad organizzazioni come ENPA, una disavventura come questa resta soltanto un’occasione, per la volpe, per apprendere che i ricci sono prede troppo impegnative.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati