caretta
GEAPRESS – Mentre si contano gli incessanti ed innumerevoli spiaggiamenti di tartarughe sulla costa adriatica, i riflettori sono oggi puntati su una tartaruga pescata con reti a strascico. I due pescatori hanno però subito comunicato la cattura.

Secondo il Centro Recupero tartarughe marine di Molfetta (BA), i due pescatori sono l’esempio del giusto comportamento da adottare in caso di accidentale cattura di tartarughe nelle reti.

L’animale è stato tenuto a bordo e prontamente contattato al responsabile del Centro di Recupero, Pasquale Salvemini il quale, nelle prime ore del mattino, ha incontrato i pescatori presso il porto di Bisceglie per prendere in custodia la tartaruga.

Secondo Salvemini, da una prima valutazione l’animale sembra essere in buono stato di salute e nutrizione. La tartaruga, un bel esemplare di 62 centimetri di lunghezza carapace, resterà per qualche tempo presso il centro di recupero per le visite medico veterinarie e ben presto sarà liberata.

Il comportamento dei due pescatori, sottolinea sempre il Centro di Recupero, ha dunque salvato la vita alla tartaruga e se questo divenisse prassi per tutti gli operatori della pesca ci sarebbero meno spiaggiamenti e si potrebbe dare una seconda possibilità a questi splendidi animali che, purtroppo, quando vengono rimessi in mare nell’immediato rischiano di annegare e di costellare poi le nostre coste come carcasse.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati