GEAPRESS – Era uno dei pochissimi autorizzati a pescare all’interno dell’area marina protetta di Bergeggi, in provincia di Savona. Quasi un privilegio, da potersi gestire solo con attrezzi da pesca a lieve impatto ambientale. Ed invece, l’imbarcazione della piccola pesca di Vado Ligure, stava salpando una rete tipo sciabica dove era stato già catturato un ingente quantitativo di pesce.

Ben settanta chilogrammi, comunica la Capitaneria di Porto di Savona. Il pescatore, fermato dalla Guardia Costiera (vedi foto) proprio mentre stava manovrando sulla rete, è stato identificato e denunciato all’Autorità giudiziaria. Come se ciò non bastasse, aveva pure assunto irregolarmente una delle persone imbarcate. Il nominativo non era stato registrato sul ruolino d’equipaggio.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati