GEAPRESS – A denunciare il tutto l’Associazione animalista Laika che da tempo si occupa dell’accudimento dei randagi. Sono morti un intero gruppo di cani ivi compresi dei cuccioli.

Nonostante dal dicembre 2008 viga in Italia un’ Ordinanza del Ministero della Salute specifica contro gli avvelenamenti, non si riesce ancora oggi a debellare un fenomeno, peraltro molto pericoloso anche per l’uomo.  L’estrema facilità con la quale è possibile acquistare veleni molto potenti, inficia di fatto ogni provvedimento.

A Corato, però, sembrerebbe essersi superata ogni immaginazione. Sempre secondo l’Associazione Laika, altri cani sarebbero morti dopo essere stati legali a dei binari ferroviari.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati