GEAPRESS – Centinaia di tartarughe, tra cui alcune appartenenti a due specie rarissime, sono state sequestrate nell’aeroporto internazionale di Bangkok. Due i contrabbandieri arrestati.

Il caso più grave riguarda 54 Testuggini dal vomere (Astrochelys yniphora) e 21 Testuggine raggiata (Astrochelys radiata), entrambe originarie del Madagascar. Si tratta di due specie incluse nell’Appendice I della Convenzione di Washington, ovvero il massimo grado di protezione. Per capire la gravità del fatto basti considerare che la prima tartaruga, secondo i dati diffusi dall’Ufficio Traffic (l’ONG specializzata sui problemi del contrabbando di specie esotiche) è stimata intorno ai 400 animali.

Secondo Theerapat Prayurasiddhi, vice direttore del Dipartimento thainlandese dei parchi nazionali, i due contrabbandieri sono una donna malgascia ed un uomo thainlandese già arrestato all’inizio di quest’anno per altro carico di fauna contrabbandata. Probabile che il soggetto faccia parte di una organizzazione ben più ampia. Le indagini delle autorità di polizia sono ora dirette in questa direzione.

Nello stesso giorno erano state inoltre rinvenute  300 Tartarughe stellate indiane (Geochelone elegans) e 10 Geoclemys hamiltonii. Si tratta rispettivamente di due specie inserite in Appendice II della Convenzione di Washington (ovvero commerciabile nell’ambito di quote autorizzate) ed Appendice I (commerci banditi). Gli animali sono stati trovati all’interno di un sacco non reclamato, sempre all’aeroporto internazionale di Bangkok.
Si tratta di tartarughe molto in uso presso i terraristi.
Nel corso della meeting Cites appena concluso a Bangkok, i delegati provenienti dalla Thailandia e Madagascar hanno discusso alcuni progetti finalizzati a condividere le informazioni relative al contrabbando di fauna selvatica dal Madagascar alla Thailandia. Il Madagscar è, infatti, uno dei paesi più depredati al mondo. La Thailandia, invece, è risultata in più occasioni al centro di traffici internazionali.

Alle autorità Thainlandesi sono ora pervenuti i complimenti dell’Ufficio Traffic.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati