GEAPRESS – Proprietaria dell’azienda è la provincia di Barletta-Andria-Trani che a dire il vero aveva fatto appello per l’adozione dei daini. Sono troppi e rischiano di creare problemi alla vegetazione. In alternativa all’abbattimento c’è solo l’adozione e finora, ad essere stati trasferiti, sono ancora troppo pochi.

La disponibilità arriva ora dal Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Interpellato dal WWF Puglia, riferisce in una nota l’associazione ambientalista, il Presidente del Parco Cesare Veronico si sarebbe dichiarato disponibile a sistemare i daini presso le aziende dislocate nell’area di competenza dell’Ente. Ad una condizione: che la Provincia provveda a sterilizzare gli animali e permettere di bilanciare i costi.

Il daino, ricorda il WWF, è una specie estranea alla fauna locale. Entra in competizione con il cervo ed arriva a brucare anche parti vegetali arboree.

La Provincia deve prendere una decisione definitiva per risolvere il problema – commenta il Presidente del WWF Puglia, Leonardo Lorusso – Solo attraverso una rapida soluzione sarà possibile salvare la vita di questi splendidi esemplari, senza perpetuare ulteriori impatti sul territorio e sulla vegetazione tipica“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati