guardia costiera
GEAPRESS – Due diversi interventi in area portuale della Guardia Costiera di Augusta (SR).

Nel primo caso è stato possibile identificare e verbalizzare il pescatore che nei pressi dell’imboccatura secondaria  del porto aveva calato in mare una rete da pesca. Si trattava di un siracusano che, dal suo natante, aveva scelto proprio il porto per pescare. Area, quest’ultima, notoriamente interdetta per questo tipo di attività.

Analogo intervento in altra area della rada, ma in questo caso il sequestro è avvenuto in danno di ignoti.

Secondo quanto ricordato dalla stessa Capitaneria, dall’inizio dell’anno si tratta del terzo intervento relativo ad attività di pesca nel porto. In tutto, con i sequestri ora comunicati, sono stati sottratti alla disponibilità dei pescatori abusivi, ben 1100 metri di rete da pesca.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati