Colto in flagranza di reato. L’avvelenatore di Monte San Savino, è stato fermato dalla Polizia Provinciale di Arezzo, mentre aveva sparso numerosi bocconi avvelenati che avevano già procurato la morte di una cane, un gatto ed una lepre. E.M., di anni 63, non ha dato giustificazioni sul suo gesto ma è noto che in questi giorni la Polizia Provinciale stia mettendo a segno numerosi interventi antibracconaggio.

Già nei giorni scorsi, infatti, era stato denunciato un sessantenne di Sansepolcro, trovato in possesso di fauna selvatica e di un elvato numero di vari tipi di trappole più reti per uccellagione. Di queste ore, invece, la denuncia per reati inerenti la condotta venatoria, di un sessantaduenne di Montevarchi. Nel corso della perquisizione domiciliare è stato rinvenuto un congelatore con specie protette destinate, secondo la Polizia Provinciale, all’imbalsamazione.