incendio
GEAPRESS – Le attività umane stanno spingendo i sistemi naturali oltre i limiti possibili che il pianeta ci offre.

Lo afferma il WWF che ricorda la perdita progressiva di biodiversità, compresi i sistemi che sostengono la nostra stessa vita sulla Terra. Siamo entrati infatti in un nuovo periodo geologico, l’Antropocene, dovuto proprio ai devastanti effetti del nostro intervento.

Per il WWF il nostro compito, come richiamato anche nell’Enciclica Laudato sì di Papa Francesco, è quello di mantenere l’umanità in uno spazio sicuro ed equo indicato dai confini planetari, limitando al massimo le azioni che possono produrre un incremento della vulnerabilità dei sistemi naturali e mantenendo il più possibile la vitalità e la resilienza della vita sul pianeta.

Nell’ambito del 50° anniversario del WWF in Italia, il prossimo giovedì 27 ottobre verrà lanciato il nuovo rapporto WWF “LIVING PLANET REPORT 2016” che evidenzia lo stato di ‘salute’ del pianeta terra, compreso lo status delle specie minacciate di estinzione, attraverso l’Indice del Pianeta Vivente, l’impronta ecologica del consumo, e fornisce proposte concrete per mutare rotta.

Per l’occasione il WWF ha organizzato un evento pubblico presso la Camera dei Deputati in cui saranno presenti, tra gli altri, la Presidente della Camera, on. Laura Boldrini, il Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, l’economista Enrico Giovannini, insieme alla Presidente di WWF Italia, Donatella Bianchi.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati