cucciolo foca
GEAPRESS – Anche la Svizzera si unisce ai paesi che hanno deciso di vietare l’importazione e il commercio dei prodotti di foca.

A darne comunicazione è la Fondazione Franz Weber che ricorda il suo impegno, congiunto a quello di OceanCare, per arrivare al tanto sperato risultato. Si ricorda che ancor prima della Svizzera, anche l’Unione Europea ed altri paesi ancora, avevano dichiarato il bando. Tra questi la Russia che da sola aveva fatto mancare un importante mercato per i prodotti di foca. Il tentativo delle autorità canadesi (paese ove vengono uccisi i piccoli delle foche) di rivolgersi al prosperoso mercato cinese, non aveva poi dato i risultati sperati.

La decisione del Consiglio Nazionale svizzero è stata presa il 24 novembre scorso. Per la Fondazione Franz Weber, si è trattato di un giorno meraviglioso.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati