GEAPRESS – Saranno consegnate il prossimo 14 gennaio le oltre 16.000 firme raccolte dall’associazione Freccia 45, per chiedere al Ministero della Salute di non autorizzare più la Harlan, multinazione americana del settore, all’importazione di animali da sperimentare.

La Presidente di Freccia 45 Susanna Chiesa, il dott. Massimo Tettamanti (noto scienziato antivivisezionista nonché Coordinatore dell’International Center for Alternatives in Research and Education) e l’Avvocato penalista di Freccia 45 Aldo Benato, consegneranno il voluminoso plico presso gli uffici della  Direzione Generale della Sanità Animale e del Farmaco Veterinario del Ministero della Salute.

La campagna europea contro la Harlan –  spiega Susanna Chiesa – si sta diffondendo a macchia d’olio. Il prossimo 19 gennaio, gli attivisti manifesteranno in ben 12 città (vedi articolo GeaPress): in Italia da Correzana ad Udine, per passare in Francia (Gannat), in Croazia (Zagreb), in Gran Bretagna con un’imponente organizzazione di ben 7 manifestazioni simultanee nelle città di Londra, Cambridge, Huntingdon, Hull, Liverpool, Manchester e Grantham, sino ad arrivare addirittura in Israele a Rehovot”.

E’ un momento importante nella lotta contro la Harlan e la sperimentazione animale – ha aggiunto l’Avvocato Aldo Benato – considerato che è questo Ministero deputato ad autorizzare la Harlan all’importazione di animali da sperimentazione. Il mancato rinnovo dell’autorizzazione sarebbe un duro colpo per la Harlan e una grandissima vittoria per il mondo animalista“.

Le 16.000 firme sono state raccolte in appena due mesi dall’avvio della petizione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati