GEAPRESS – Su di loro stanno vigilando le Guardie Zoofile dell’ENPA. I due vitellini trovati sabato scorso all’interno di un contenitore dell’immondizia (vedi articolo GeaPress), lungo la strada che collega Ragusa a Santa Croce Camerina, sono ora in una situazione decisamente serena. Stanno bene ed hanno pure un mucca che li sta allattando. A riferirlo a GeaPress è Antonio Tringali Responsabile delle Guardie Zoofile dell’ENPA per la provincia di Ragusa.

I due vitellini erano disidratati e non si reggevano bene in piedi – ha dichiarato a GeaPress Antonio Tringali – ma passate le prime ventiquattro ore, abbiamo tirato un sospiro di sollievo. Vorrei rassicurare quanti in queste ore si stanno preoccupando della sorte dei vitellini – ha aggiunto il Responsabile ENPA – che siamo costantemente in contatto con la persona che li sta accudendo. Escludo – ha concluso Antonio Tringali – che i vitellini potranno essere abbattuti“.

Dall’ASP di Ragusa viene però confermato che nei giorni scorsi si è parlato di abbattimento dei due piccoli animali. Forse nelle comunicazioni poi veicolate dalla Polizia Municipale si è un po’ esagerato, ma la legge prevede un periodo di venti giorni entro i quali il proprietario dovrebbe reclamarli. Viceversa scatterebbe l’abbattimento. Secondo il dott. Paolo Giambruno, Direttore della Sanità Pubblica Veterinaria dell’ASP di Palermo, la legge in effetti “dispone quanto necessario per la tutela della salute del consumatore e l’abbattimento scatta nel momento in cui il proprietario non è in grado di dimostrare la provenienza degli animali. Trattandosi però di animali così piccoli – ha dichiarato il dott. Giambruno – potrebbe con molta tranquillità essere esclusa ogni contaminazione di tipo farmacologico e stare altresì tranquilli anche per l’insorgenza di eventuali malattie. Se i vitelli – ha aggiunto il Responsabile della Sanità Pubblica Veterinaria dell’ASP di Palermo – sono ancora vivi, basta il necessario periodo di controllo senza bisogno alcuno di procedere ad abbattimenti“. Ad ogni modo, trattandosi di due animali senza proprietario, le competenze sono del Sindaco che potrà rifarsi ai pareri dei veterinari.

Le Guardie dell’ENPA e la Polizia Municipale informeranno la Procura della Repubblica di Ragusa di quanto sta avvenendo in queste ore. E’ infatti confermato l’abbandono, circa venti giorni addietro, di altri due vitellini di colore nero sempre nei contenitori dell’immondizia. Questi ultimi, anch’essi debilitati, sono morti dopo poche ore dal ritrovamento. E’ probabile che un allevatore, colpito dalla crisi del settore lattiero di Ragusa, stia lasciando in stato di inedia alcuni animali, sbarazzandosene in varia maniera al fine di evitare i costosi interventi presso le ditte autorizzate allo smaltimento. Non a caso si tratta di varietà frisona, ovvero un bovino tipico degli allevamenti in stalla dove in maggior misura incidono i costi di produzione sempre più difficili da sostenere a causa del basso prezzo di vendita del latte. L’altra varietà presente nel comprensorio è invece la modicana. Si tratta in questo caso di una mucca rustica, adatta al pascolo brado e pertanto molto meno costoso. Non è una grande produttrice di latte.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati