trasporto animali
GEAPRESS – Intervento congiunto della Task Force della Polizia Stradale e della LAV nelle strade della Lombardia, Veneto e Marche. Quarantadue pattuglie impiegate e 195 i veicoli adibiti al trasporto degli animali destinati alla macellazione, in palese violazione della normativa. A riferirlo è un comunicato della Polstrada il quale riporta la contestazione di ben 124 violazioni per un totale di circa 61.000 euro di sanzioni.

Solo il 2 luglio a Verona sono state 13 le violazioni contestate per circa 13.000 euro.

Lo scenario, sottolinea la Polizia Stradale, è purtroppo  quello di sempre. Animali maltrattati e in pessime condizioni di salute trasportati da autisti complici, verso macelli consenzienti.

Una accusa grave, quella rivolta dalla Polizia Stradale e che sembra confermare quanto già nei giorni scorsi asserito dell’On.le Andrea Zanoni (vedi articolo GeaPress). In dramma comune per le strade italiane.

In testa alla poco invidiabile classifica c’è Brescia con 29 violazioni per un totale di  17.000 euro. Uno dei veicoli controllati è stato sequestrato perché trovato, tra l’altro, senza assicurazione RCA da maggio dell’anno scorso.  Gli 800 suini di stazza dai 6 ai 30 kg sono stati bloccati per ore e solo dopo avere individuato un mezzo idoneo sono stati trasbordati ed hanno potuto proseguire il loro viaggio.

Non mancano esempi anche da altre regioni. In Calabria, nel corso di un controllo di routine,  il proprietario e il conducente di un autocarro sono stati denunciati per il reato di maltrattamento di animali art 544 ter del Codice Penale, per aver consentito il trasporto su un mezzo non idoneo di una mucca che non era in grado di camminare. L’animale era costretto su di un fianco legato con una corda al collo che non permetteva alcun movimento.

L’attività di contrasto delle irregolarità nel campo della sicurezza stradale, ma anche alla tutela della libera concorrenza tra imprese da un lato ed in quello della tutela della salute e del benessere degli animali dall’altro, è già stato oggetto di un protocollo d’intesa tra Ministeri dell’Interno e della Salute, del 19 settembre 2011.

L’Unione Europea, ricorda la Polstrada, ha già dal 2005 tracciato delle linee guida in materia, invitando i Paesi appartenenti ad aderire allo specifico Regolamento – 1/2005, entrato in applicazione dal 5 gennaio 2007, in cui sono definite le regole da rispettare per ridurre al minimo lo stress a cui sono sottoposti gli animali riconosciuti nel trattato di Lisbona come esseri dotati di sensi e sensibilità

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI VIDEO: