GEAPRESS – Agnelli caricati nei bauli delle automobili e legati a stretti fili di nylon. Una sorta di take away dell’agnello messo in atto da un allevatore di Tezze di Arzignano e dai suoi compratori che si recavano a scegliere l’animale. Legati ed infilati nei portabagagli. Così sono state scoperti dalle Guardie Zoofile ENPA e LAC. A quanto pare centinaia di agnelli e pecore venduti ad acquirenti di religione musulmana. Probabile destinatario sarebbe così stata il rito della Festa del Sacrificio, che si è svolto nei giorni scorsi.

Sulla vicenda è ora intervento l’europarlamentare IdV Andrea Zanoni che si è complimentato con le Guardie per l’esisto dell’operazione comunicata, il 29 ottobre scorso, alla Procura della Repubblica di Vicenza. Sempre l’On.le Zanoni si è però augurato che le stesse autorità locali, ed in particolare le ASL, possano in futuro reprimere tali comportamenti definiti dallo stesso europarlamentare, molto gravi sotto il profilo della legalità e del benessere degli animali.

Le Guardie ENPA e LAC avevano provveduto con appositi rilievi fotografici a documentare come gli agnelli fossero sottoposti a maltrattamenti. Gli animali, infatti, erano legati per le zampe con fili di nylon strettissimi che di fatto, riporta l’On.le Zanoni, rendevano insensibili gli arti. I poveri animali venivano infine trasportati con delle carriole verso le auto dei compratori, che a quanto pare erano assembrati a decine attorno all’allevamento.

Sono rimasto scioccato nel vedere questi agnelli legati per le zampe – ha affermato l’On.le Zanoni che è anche vice Presidente dell’Intergruppo per il benessere degli Animali al Parlamento Europeo – sballottati e tenuti come sacchi di immondizia. Servono pene esemplari per chi tratta con così gran disprezzo gli animali”.

Il reato ipotizzato è quello di maltrattamento. “Complimenti alle Guardie Zoofile ENPA e LAC per la professionalità dimostrata nell’operazione – ha aggiunto Zanoni – Ancora una volta con le loro attività colmano delle gravissime lacune esistenti per quanto riguarda i controlli degli Stati membri dell’Unione Europea. Esistono precise norme sul trasporto degli animali sia europee sia statali. In questo caso sono state palesemente e gravemente violate dai comportamenti rilevati dalle Guardie Zoofile”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTOGALLERY: