conigli enpa
GEAPRESS – Segnalazioni di conigli detenuti in maniera inidonea. Questo quanto perveniene sempre più spesso all’ENPA di Monza e Brianza. L’ultima segnalazione è relativa a un locale di Seregno (MB) nel quale si sono rinvenute numerose galline ed un allevamento di conigli sistemato in un capanno del giardino.

Con il permesso del proprietario l’intervento del Nucleo Antimaltrattamento dell’ENPA di Monza e Brianza, del veterinario dell’ASL e del Corpo Forestale dello Stato  ha permesso di rinvenire una quarantina di conigli. Si tratta, spiega l’ENPA di Monza e Brianza di venti adulti, sedici coniglietti di 28-30 giorni e cinque di età compresa tra tre e sei mesi. Tutti gli animali sarebbero stati detenuti in pessime condizioni igienico-sanitarie.

Secondo l’ENPA il locale si sarebbe presentato nel disordine più totale: privo di aerazione e maleodorante per l’accumulo di feci e paglia imbrattata di urine e deiezioni. I conigli adulti, inoltre, sarebbero stati stipati in gabbie caratterizzate dal fondo a grata; così piccole da non riuscire a muoversi né a coricarsi.

Il proprietario si sarebbe giustificato  asserendo che allevava per esclusivo uso personale e che avrebbe provveduto a sistemare tutto. I dodici conigli che erano nelle condizioni peggiori, sono stati  ritirati. Nelle altre gabbie, invece, è stata sistemata della paglia fresca e sono stati tolti i divisori, creando così uno spazio più ampio. In dieci giorni di tempo il proprietario dovrà mettere tutto a norma, areare il locale e portare i conigli dal veterinario. Nel frattempo la situazione verrà costantemente monitorata.

È stata anche inviata una comunicazione al Sindaco del comune brianzolo per verificare l’applicazione del regolamento di igiene.

I conigli ritirati, tutti giovani, sono stati portati nella vecchia struttura di via Buonarroti a Monza e visitati; sarebbero affetti di atrofia muscolare e sono  coccidiosi (parassiti intestinali). Tre di loro sono stati ritirati dall’associazione Animare Onlus di Limbiate (MB) (sito web www.animareonlus.it). Sono tutti di razza New Zealand, sono docili e dopo le cure del caso saranno messi in adozione.

L’ENPA ricorda che i conigli non devono essere considerati una comoda alternativa a cani e gatti. Sono animali capaci di dare affetto come un cane o un gatto, ma proprio come un cane o un gatto hanno specifiche esigenze etologiche, richiedono tempo e cure e non devono passare la loro vita reclusi in una gabbia.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati