GEAPRESS – Primo gennaio 2012 e le gabbie di superfice come un foglio A4, dove vengono stipate fino a quattro galline ovaiole, dovrebbero scomparire per sempre. L’Europa conferma la scadenza, ma dall’Italia appaiono in forma sempre più decisa i malumori degli allevatori. Il problema, a dire il vero, riguarda in modo particolare la “nuova” Europa. Quella con più difficoltà, come la Bulgaria e la Romania, ad esempio. In tutto, però, sono ben undici i paesi che sono ancora particolarmente indietro nell’imminente applicazione di una Direttiva già lungamente attesa. Tra questi, ovviamente, l’Italia.

Tutti i paesi dovrebbero attuare le migliorie agli stabulari che, tanto per intenderci, non salvano la vita alle galline. Anzi, sia che di allevamento intensivo oppure no, biologiche o … comuni mortali (a prescindere, pertanto, dalla stessa Direttiva) tutte le galline vengono uccise una volta verificatosi il calo fisiologico della produttivà.

E l’Italia cosa fa? Mentre si progettano altri mega allevamenti, come quello a sette piani per 320.000 galline tra Busto Garolfo e Canegrate (MI), nuovi segnali sembrano destinati a dare manforte agli allevatori inadempienti.

Il Commissario Europeo alla salute John Dalli (lo stesso che da mesi va sbandieranno che nulla si potrà fare per impedire il rivio dei test cosmetici sugli animali) ha, infatti, dichiarato che si troverà una soluzione per le milioni di uova che a partire dal 1 gennaio 2012 risulteranno essere prodotte in maniera illegale, ovvero da allevamenti non ottemperanti l’obbligo di modifica degli stabulari.

Come reagiranno le aziende europee (specie inglesi e tedesche) che nel frattempo si sono adeguate? Sono loro, infatti, che stanno spingendo per la più rigida applicazione della Direttiva. Singolare la proposta che arriva dagli allevatori bresciani. In quella provincia, infatti, ricade un’aliquota non indifferente delle oltre otto milioni di galline ovaiole lombarde. La soluzione (minacciata…) dagli allevatori è stata trovata: Ammazziamole tutte! Vuoi vedere che adesso gli animalisti sono loro? 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati