GEAPRESS – Duplice intervento, tutt’ora in corso, dei Carabinieri del NAS di Palermo  coadiuvati dai Veterinari dell’ASL. I militari starebbero eseguendo numerosi controlli nei quartieri Guadagna e Danisinni.

Dalle prime indiscrezioni pervenute, nel quartiere Guadagna sono in corso accertamenti su macellazione clandestina di agnelli e  pecore, in occasione delle festività pasquali. La zona non è nuova per fenomeni di questo genere. Da stamani  i Carabinieri hanno iniziato ad ispezionare alcune stalle abusive ricavate nei pressi delle cavità di calcarenite che costituiscono, lungo via Guadagna, le scarpate del fiume Oreto.

Ancora più vasto l’intervento che sarebbe in corso nel quartiere Danisinni. Si tratta di una vasta depressione nei pressi sia del Palazzo Reale di Palermo (sede dell’Assemblea Regionale siciliana) e di Palazzo d’Orleans, ovvero la sede della Presidenza.

L’intervento più massiccio sembra essere stato indirizzato nei confronti delle stalle di cavalli. Alcune di queste sono ricavate in locali di pochi metri quadrati noti per ospitare sia calessi da corsa che carrozze per i turisti. Oltre a tale tipologia, vi sono altre due grosse concentrazioni di stalle. La prima venne già attenzionata pochi anni addietro per la macellazione degli agnelli da destinare ad alcuni cittadini di fede musulmana. Gli agnelli, infatti, vengono uccisi senza stordimento. Ad intervenire, allora, furono i Baschi Verdi della Guardia di Finanza. In questo secondo comprensorio di stalle, più a ridosso di via Stefano de Perche, sono presenti anche  cavalli, ivi comprese varietà da tiro,  e pecore. Il terzo gruppo di stalle è invece ricavato a ridosso di corso Calatafimi. Dovrebbero detenere cavalli da corsa.

Sempre da indiscrezioni pervenute sembra che a Danisinni siano stati trovati anche cani forse utilizzati nei combattimenti.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati