maiale
GEAPRESS – E’ stato completato il trasferimento dei maiali sequestrati in un allevamento di Morazzone (VA) grazie all’intervento del Servizio Interprovinciale Tutela Animali di Varese, del Corpo Forestale dello Stato e dell’ASL su mandato della Procura della Repubblica di Varese (vedi articolo GeaPress).

Come si ricorderà il PM incaricato, aveva autorizzato l’adozione dei maiali (l’ASL aveva proposto l’abbattimento) incaricando per questo il Servizio Interprovinciale Tutela Animali (SITA) diretto dell’Ing. Francesco Faragò.  Da qui l’appello veicolato anche tramite le pagine di GeaPress ed il graduale sfollamento dell’allevamento.

Per capire in che stato sono stati trovati i maiali il Servizio Interprovinciale ha diffuso alcune fotografie come la prima che vi proponiamo in fotogallery. I volontari della LAV hanno provveduto a pulire i poveri animali coadiuvando poi nelle fasi di trasporto.

In particolare, in data 15 giugno scorso è avvenuto lo spostamento di due maiali. Operazione alla quale, oltre che all’ASL, ai volontari LAV ed allo stesso Servizio Interprovinciale, ha preso parte anche il Corpo Forestale dello Stato e la Polizia Provinciale. I due grossi suini venivano così trasferiti in un ampio terreno arboreo presso l’azienda Ecotoys di Fenegrò, in provincia di Como. Sono poi seguiti altri quattro suini.

Il giorno dopo, grazie all’interessamento della ASL di Varese, 14 animali sono stati  invece trasferiti in Val Veddasca (al confine con la Svizzera) presso una azienda agricola nella cui disponibilità vi sono strutture e spazi tali da assicurare ad essi il benessere psico-fisco. Altri cinque, di imminente adozione, sono stati momentaneamente  trasferiti presso  una azienda agricola di Gavirate (VA).

Dunque l’evacuazione della stalla di Morazzone (VA) è ormai completata. Purtroppo un numero limitato di animali, nei primi giorni del sequestro, non è sopravvissuto.

Stante le numerose richieste di adozione pervenute da tutta Italia, gli animali sono stati vaccinati (malattia di Aujeszky) e sottoposti a prelievo ematico per verificare l’assenza della cosiddetta Malattia Vescicolare Suina il cui periodo di incubazione è pari a 28 gg. Precauzione, questa, indispensabile per consentire a detti animali di essere movimentati, a partire dal 29imo giorno, senza vincoli sanitari anche al di fuori della Regione Lombardia.

Le adozioni previste in Provincia di Milano e Varese, comunica il Servizio Interprovinciale Tutela Animali, proseguiranno regolarmente anche nei prossimi giorni.

Nelle restanti fotografie  in gallery, Maya e, nell’ultima foto, Peppa e Spider. Tutti nella nuova casa.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTOGALLERY