GEAPRESS – Di lui ci ricorderemo per l’incredibile cambio di rotta in merito alla vicenda del limite di otto ore sul trasporto degli animali da reddito. Prima, alla consegna delle firme raccolte dai cittadini europei, la promessa di impegnarsi. Poi, … niente di tutto ciò.

John Dalli (nella foto), il Commissario europeo alla Salute, si è dimesso. Non certo per la mancata promessa sul benessere degli animali. Al centro delle inaspettate dimissioni, annunciate ieri pomeriggio, un rapporto dell’OLAF, l’ufficio antifrode della comunità europea. Nel documento viene raccolta la denuncia di una società di tabacco svedese che accuserebbe John Dalli di avere operato in favore di una società maltese. In particolare quest’ultima avrebbe utilizzato le conoscenze con Dalli al fine di favorire una futura proposta legislativa sulla materia. Tutto da verificare, ovviamente, ma nel frattempo le autorità europee hanno inviato il tutto a quelle delle giustizia maltese. Dunque, immediate dimissioni.

Rimane pertanto ancora di più aperta la questione del trasporto di animali entro le otto ore massime. Su questo punto, però, si è recentemente registrata la presa di posizione della Commissione Agricoltura a favore di una riduzione dei tempi massimi di trasporti (vedi articolo GeaPress).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati