pulcini israele
GEAPRESS – Attivisti animalisti sono stati arrestati questa mattina dalla polizia israeliana nel corso di una manifestazione inscenata presso una grossa industria di svezzamento.

Come è noto si tratta di aziende specializzate nell’incubazione di uova e selezione dei pulcini. I piccoli animali appena usciti dal guscio, vengono selezionati per  sesso e “salvati” solo se utili alla produzione. I maschietti della varietà ovaiola, ad esempio, vengono lasciati in un tappeto scorrevole che li conduce, assieme ai gusci, direttamente nel trituratore. Un metodo adottato un po’ in tutti i paesi del mondo, Italia compresa.

Il grosso allevamento era divenuto oggetto, poco più di un anno addietro, di un filmato girato con le telecamere nascoste.

La manifestazione di oggi, deve avere turbato i programmi della società specializzata in questi lavori e l’arrivo della polizia, stante quanto riportato dall’associazione “Let the Animal Life” si sarebbe concluso con l’arresto degli attivisti che indossavano, a viso scoperto,  magliette di Animal Liberation Front.

Il video che era stato girato presso lo stesso allevamento, colpì profondamente l’opinione pubblica israeliana. La tv, tra l’altro, trasmise le tremende scene dei piccoli pulcini gialli, finiti schiacciati e triturati. Secondo gli animalisti il Ministero dell’Agricoltura non avrebbe ancora risposto alle richieste di informazioni avanzate in merito all’attività del grosso allevamento.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati