GEAPRESS – Ritorna ad essere appesa ad un filo la sorte dei cavalli del Centro Ippico di Ferrara, avviato alla chiusura. La Regione, comunica in una sua nota la Consigliera Regionale dei Verdi Gabriella Meo, ha di fatto messo in atto discutibili interpretazioni giuridiche che impediscono il passaggio dei cavalli da “DPA” a “non DPA”. Ovvero, in quest’ultimo caso, non più “produttori di alimento”.

Per undici cavalli, dunque, ritorna l’ipotesi di essere messi all’asta e poi macellati.

La nuova interpretazione della Regione sarebbe stata esposta in una lettera inviata alle associazioni animaliste bolognesi. In pratica, secondo l’Ufficio legale della Regione, qualora venisse modificato lo status riportato nei passaporti dei cavalli, la Regione verrebbe esposta ai rilievi da parte della Corte dei Conti. Questo a causa della diminuzione del valore attribuito agli animali. Pertanto, per non incorrere nei rigori dei giudici contabili, la certificazione dei cavalli rimarrà inalterata consentendo, per alcuni di essi, la macellazione a fine vita. “Tutto ciò – denuncia la Consigliera Meo – per un presumibile mancato incasso complessivo di poche migliaia di euro.”

Di tutta questa vicenda ciò che mi stupisce maggiormente – spiega l’esponente ecologista – è la scarsa sensibilità dimostrata dai decisori politici e dai funzionari che non hanno esitato un secondo a dichiarare tutti gli animali del Centro ippico “fuori uso” e a procedere alla loro vendita. Al contrario il ricco patrimonio di carrozze e finimenti presenti nelle rimesse del Centro non sono stati dichiarati “fuori uso”, ci si è giustamente ben guardati dal venderli e ora ci si sta adoperando per trovare un museo emiliano-romagnolo che offra adeguate garanzie di tutela e conservazione della collezione.”

Mi sarei aspettata – conclude Meo – maggiore considerazione per gli animali, almeno allo stesso livello di quella dimostrata per i beni storici del Centro ippico. Mi dispiace dirlo, ma la Regione non sta facendo una bella figura nei confronti dei cittadini che hanno a cuore gli animali.”

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati