occhi maiale
GEAPRESS – Una storia surreale se non fosse ormai apparsa in numerosi  media dell’Ontario, in Canada. Al centro vi è la vicenda giudiziaria che vede coinvolta un’attivista animalista  dell’associazione  Toronto Pig Save i cui volontari si trovano ad abitare in un punto particolarmente significativo della tratta degli animali inviati al macello.

Un’attività pesante, anche per i risvolti emotivi. Camion pieni di animali diretti alla macellazione subito circondati dagli attivisti che cercano di alleviare le sofferenza offrendo loro acqua da bere.

E’ successo anche lo scorso 22 giugno quando la città di Toronto era sotto il peso di una pesante quanto anomala calura. Il camionista si rivolge alla polizia la quale ritene di riscontrare gli estremi di un reato grave punito fino a dieci anni di prigione. Stante quanto finora trapelato sui giornali, sembra che il camionista sia sceso dal mezzo carico di maiali,  recitando un versetto della Bibbia ed asserendo che solo lui poteva eseguire un intervento di quale genere. Nell’incartamento della polizia sembra sia riferito di “liquido sconosciuto”.

Quel liquido, però, era semplice acqua fornita agli animali costretti nel vano metallico e sottoposti allo stress delle alte temperature.

Sul caso, ovviamente, si sono scatenate mille polemiche. A tal proposito c’è chi evidenzia lo spreco di soldi per un processo di tal genere.

Gli attivisti di Toronto Pig Save, intanto, non si fermano. Nel loro profilo facebook fissano i prossimi appuntamenti. Ieri, ad esempio, l’attività è iniziata alle 7.00 nei pressi di un allevamento di maiali. Si  è poi proseguito pressi in un macello di polli ed infine in un allevamento di bovini.

Faceva la stessa cosa, una volta la settimana, anche Anita Krajnc l’attivista ora incriminata. Arrivò poi l’autista con il versetto ed è iniziata una vicenda che Gary Grill, avvocato difensore, definisce sulle colonne nel network CBC, come “sconcertante”.

Secondo Mercy for Animal, una ONG nord americana specializzata nelle investigazioni in questo particolare settore, quanto accaduto non solo criminalizza la compassione per gli animali, ma ignora anche i timori esistenti in tema di benessere animale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati