bovino
GEAPRESS – La bozza finale del documento sul “Safeguard Policies” redatto dalla Banca Mondiale, include un riferimento al benessere degli animali.

Lo afferma l’ONG americana Humane Society che ricorda come il fine del documento è quello di definire gli standard per la sostenibilità a livello globale. Il riferimento al benessere animale potrebbe così contribuire a vietare alcune delle pratiche maggiormente criticate come, ad esempio, il confinamento degli animali in gabbie di batteria e le casse di gestazione dei grandi impianti. Queste norme si potrebbero così applicare ai progetti finanziati dalla Banca Mondiale che, si ricorda, ha tra i suoi compiti quello di combattere la povertà e finanziare gli Stati in difficoltà.

Chetana Mirle, direttore di Humane Society International, ha dichiarato di “accogliere con favore l’inserimento del benessere degli animali all’interno della bozza finale delle politiche di salvaguardia della Banca mondiale. L’inserimento del benessere degli animali nelle politiche di un istituto finanziario come la Banca Mondiale dimostra come questo tema ha un senso anche per gli aspetti commerciali. L’adozione di standard di benessere animale può portare a una riduzione dei costi, maggiore produttività e vantaggi competitivi. Le imprese ed i consumatori, anche nei paesi in via di sviluppo, sono sempre più esigenti“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati